Il “Giuramento di Ippocrate” prima dell’abilitazione? Un paradosso tutto italiano

Per chi non lo sapesse, come estratto da Treccani, Ippòcrate (n. Isola di Coo, 460 a. C. circa – m. 370 a. C. circa) fu praticante e maestro di medicina in Atene e in Tessaglia e fu, secondo la testimonianza di quasi contemporanei come Platone e Aristotele, il medico più famoso della sua epoca così come, secondo quella di una tradizione che culmina in Galeno, il fondatore della medicina scientifica in Grecia. Dalle nostre parti Ippòcrate è famoso per il…
Visualizza Post

Grazie mille Usain Bolt, per me non hai mai perso

Sabato 5 agosto, ore 22.40, Taverna di Pulcinella, Pisa. Il sottoscritto caccia dalla tasca il buonissimo Sony Xperia XZ Premium inviatomi in prova in questo periodo, apre l’app RaiPlay e fa partire lo streaming in diretta dei campionati mondiali di atletica leggera del 2017. Il motivo? Alle 22.45 ci sarebbero stati gli ultimi 100 metri piani “ufficiali” di Usain Bolt, l’uomo più veloce del mondo, capace otto anni prima di correre la famosa distanza in 9.58 secondi. La semifinale delle…
Visualizza Post

Bob e Alice, i due “bot” che stanno facendo impazzire il mondo. Senza motivo.

In questi giorni, da qualunque parte ci si giri, si parla di Bob e Alice, le due forme di intelligenza artificiale messe a punto da qualcuno alle dipendenze di Facebook, le quali avrebbero ideato un modo tutto loro di entrare in comunicazione l’uno con l’altro (o altra?). Come spesso accade quando si vanno a toccare argomenti che richiedono un minimo di “interpretazione” e/o di conoscenze un pochino più “sofisticate”, la stragrande maggioranza di tutti coloro che hanno riportato la notizia…
Visualizza Post

Il momento dei ringraziamenti: se sono quello che sono è (anche) merito vostro

Non sono mai stato uno di tante parole. Allo stesso tempo penso di essere uno che di parole ne dice poche, ma buone. Quando per la prima volta nella vita decidi che veramente è giunto il momento di mettere anima e corpo in una nuova avventura, forse capisci che sei cresciuto davvero. Non si può sperare di diventare un medico; fino a quando non ci si convince davvero di voler fare il medico – e solo questo – non si…
Visualizza Post

Il “dark web” è più povero e qualcuno è più ricco di 1479 bitcoin. Ed è meglio così.

Esistono porzioni del web “sommerse” e altre “oscure”; deep e dark web sono due cose ben diverse e in molti tendono ad utilizzare nella stessa maniera i due termini. Basta una ricerca su Google per comprendere la differenza tra deep e dark e tanti “autori” – anche di testate autorevoli – dovrebbero farsi una ripassatina. Sono un paio di giorni ormai che si parla della chiusura di AlphaBay, noto store del dark web, nient’altro che una sorta di Amazon o…
Visualizza Post
Bitnami